Consumer Packaged Goods
Report Consumer Packaged Goods

Digital Procurement per il CPG: a che punto siamo?


La sfida degli acquisti 4.0. I risultati di un sondaggio condotto da Largo Consumo.

Tracciabilità, abbattimento dei rischi, maggior sicurezza e trasparenza dei dati sono solo alcuni dei vantaggi derivanti dall’adozione delle nuove tecnologie. Ma la vera trasformazione consiste nella possibilità di ripensare i processi di fornitura in chiave digitale. Ma a che punto siamo nel percorso di trasformazione digitale degli acquisti?

Questi alcuni dei temi trattati nell’indagine “Digital Procurement. La sfida degli acquisti 4.0” realizzata da Editoriale Largo Consumo in collaborazione con JAGGAER e condotta su circa 50 manager di importanti aziende di consumer packaged goods italiane.

Report-CPG

Alcune evidenze emerse:

    • Il 34% del campione non ha ancora avviato un percorso strutturato di digitalizzazione dei processi d’acquisto
    • Riduzione del rischio di fornitura, incremento della collaborazione (interna e con i fornitori) e business continuity sono i 3 benefici ritenuti più importanti legati alla digitalizzazione dei processi di Procurement:
    • Per il 65% degli intervistati la digital transformation è guidata dal dipartimento IT
    • Acquisti, Operations e Qualità i dipartimenti che esprimono maggiormente l’esigenza di digitalizzare i processi d’acquisto

Il documento include anche i commenti di primarie aziende italiane fra le quali:

    • Marco Balbiano, CIO e Responsabile Acquisti Sant’Anna
    • Marco Gonzalez, Responsabile Ufficio Acquisti Dry Petfood, Monge
    • Leonardo Mirone, Direttore Acquisti Pack&Promo, Barilla
    • Rosanna Gennari, Responsabile Acquisti, Fruttagel
    • Gabriele Luzzo, Purchasing & Planning Manager Sutter
    • Giovanni Battista Valsecchi, Direttore Generale Generale Conserve

Compila il form per scaricare il Report

 

 

Potrebbe interessarti anche

Altri Approfondimenti