Coop sceglie JAGGAER per gestire i fornitori e garantire trasparenza in chiave “digital”

Coop Italia supermarket

 

Profilo

Coop Italia, catena di distribuzione con oltre 1150 punti vendita sul territorio, ha tra i propri valori l’impegno di essere diretta e chiara nei confronti dei consumatori, puntando su trasparenza e tracciabilità a garanzia del rispetto degli standard di qualità e di sicurezza dei prodotti. Il fortissimo sviluppo strategico delle linee dei prodotti a marchio Coop (ViviVerde, Fiorfiore, Solidal, Benesì, etc.), che rappresentano circa il 30% del venduto, ha consolidato ulteriormente questo impegno. La strategia della trasparenza è alla base, fra le altre, della campagna “Origini Trasparenti” fin dal 2013, iniziativa con cui Coop per prima in Italia ha permesso ai consumatori di ottenere informazioni sull’origine delle materie prime utilizzate nei prodotti, ripercorrendo a ritroso la filiera, dalla tavola al campo; la visibilità sulle informazioni relative ai prodotti ha caratterizzato anche lo sviluppo dell’esperienza interattiva dei consumatori implementata nel Supermercato del Futuro di Expo 2015.

Scarica il case study di Coop Italia in PDF

La Sfida

“Il fortissimo sviluppo strategico dei prodotti a marchio ci ha portato a dover gestire un sensibile aumento del numero di referenze rendendo quindi necessario efficientare e standardizzare il processo di acquisto e la gestione della relazione con i fornitori lungo tutto il ciclo di vita del prodotto. Inoltre, volevamo che le informazioni relative ai prodotti non fossero più solo a uso interno, ma rese disponibili ai consumatori in linea con la nostra strategia di trasparenza, con l’impegno di essere diretti e chiari” spiega Gabriele Tubertini, CIO di Coop Italia.

Oltre ai prodotti a marchio Coop, l’esigenza di avere un unico repository dove condividere informative e ricette si è rapidamente estesa anche alla gamma dei freschissimi, come i prodotti della gastronomia o le verdure preparate, su richiesta delle cooperative. Un requisito fondamentale per Coop era poi la riservatezza delle informazioni gestite dalla piattaforma, trattandosi di dati “core” per l’azienda.

La Soluzione

Coop Italia ha scelto JAGGAER per lo sviluppo di una piattaforma che in azienda è chiamata PLT, Private Label Trade, su cui sono registrati circa 4.700 fornitori dei prodotti a marchio Coop. La piattaforma — che rappresenta un caso unico nel panorama del retail italiano — gestisce il flusso di informazioni relative alle caratteristiche di prodotto, come la provenienza delle materie prime o le certificazioni dei fornitori, oltre che gli audit della qualità e il processo negoziale. In più la piattaforma gestisce tutto il ciclo della modulistica legata ai prodotti, come le etichette e le schede tecniche. Viene utilizzata da circa 300 utenti interni, fra direzione commerciale e qualità, e direzioni qualità delle cooperative socie.

“Oggi l’azienda ha a disposizione un repository strutturato che rende possibile la fruizione di tutte queste informazioni. Ogni attività effettuata sul portale è verificata e tracciabile; ad esempio un fornitore può dichiarare che nel suo prodotto non sono presenti allergeni: se lo registra sul portale, l’informazione è certificata, viene tracciata ed è utilizzabile a livello di auditing” spiega Gabriele Tubertini.

“Oggi il portale sviluppato da JAGGAER è il riferimento unico per la gestione dei prodotti a marchio e i vantaggi sono apprezzati da tutti ma inizialmente abbiamo avuto delle resistenze, perché la piattaforma ha comportato un forte cambiamento nella modalità di lavoro” continua Tubertini “Per fortuna abbiamo tenuto la barra e nel tempo gli utenti sono stati sempre più soddisfatti”.

Lavorando insieme, Coop Italia e JAGGAER sono infatti riusciti a indirizzare le criticità e a disegnare insieme un percorso, per venire incontro alle esigenze dell’azienda. “La piattaforma è erogata in Cloud, modalità che, per sua natura, consente una personalizzazione meno spinta delle soluzioni sviluppate internamente. I vantaggi del Cloud erano però così significativi che Coop ha accettato la sfida riuscendo progressivamente non solo a implementare le personalizzazioni effettivamente necessarie, ma anche ad ampliare l’utilizzo della soluzione anno dopo anno. L’approccio Cloud permette inoltre di beneficiare della roadmap di evoluzione della piattaforma e questo è un vantaggio perché ad ogni rilascio vengono implementate nuove migliorie” continua Tubertini.

La piattaforma JAGGAER costituisce anche la base informativa da cui vengono prelevate le informazioni di prodotto ad uso dei consumatori. “Per la campagna “Origini Trasparenti”, abbiamo sviluppato il sito www.e-coop.it/web/guest/cooporigini dove il consumatore, digitando il codice a barre o il nome del prodotto, accede ottenendo le informazioni in tempo reale, nel segno della massima trasparenza.

E nel Supermercato del Futuro, realizzato in occasione Expo, per vedere comparire le informazioni sugli schermi bastava fare un gesto con la mano, di fronte al bancone dotato di appositi sensori di movimento. Molte delle informazioni presentate trovano la loro origine proprio dal portale PLT sviluppato da JAGGAER” aggiunge Tubertini.

L’Importanza della sicurezza

La maggiore preoccupazione dell’azienda — nell’approccio Cloud — era garantire la riservatezza di queste informazioni. La soluzione sviluppata da JAGGAER, caratterizzata da un ambiente di produzione dedicato a Coop e da altissimi standard di sicurezza (non dimentichiamoci che JAGGAER è certificata ISO27001), garantisce un altissimo livello di protezione.

Scarica il case study di Coop Italia in PDF

Abstract dell’articolo pubblicato precedentemente da Digital4Executive.